• Borgo Santo Pietro Estate - Kitchen gardens
  • Borgo Santo Pietro Estate - Kitchen gardens
  • Borgo Santo Pietro Estate - Kitchen gardens
  • Borgo Santo Pietro Estate - Kitchen gardens
  • Borgo Santo Pietro Estate - Kitchen gardens
  • Borgo Santo Pietro Estate - Kitchen gardens
  • Borgo Santo Pietro Estate - Kitchen gardens
  • Borgo Santo Pietro Estate - Kitchen gardens
  • Borgo Santo Pietro Estate - Kitchen gardens
  • Borgo Santo Pietro Estate - Kitchen gardens
Estate < Giardini culinari

Giardini culinari

La Tenuta Borgo Santo Pietro rifornisce La Bottega del Buon Caffè a Firenze e Meo Modo –  i suoi due ristoranti Stellati – non solo di ingredienti, ma anche di ispirazione.

I nostri orti sono il cuore della filosofia “dalla Terra al piatto” del Borgo, poiché i capo chef di entrambi i ristoranti inventano i loro piatti in stretta collaborazione con i nostri esperti coltivatori. Gli ingredienti freschi di giornata della Tenuta sono trasformati in piatti genuini della tradizione toscana nei ristoranti, nella Trattoria sull’Albero e nei nostri corsi alla Scuola di Cucina del Borgo.

  • Aubergines
  • Tomatoes

I campi coltivati

Nei nostri campi coltiviamo più di duecento specie di ortaggi e cinquanta erbe aromatiche diverse. I campi forniscono prodotti freschissimi della migliore qualità al nostro hotel, così come ai nostri due ristoranti Stellati. I nostri chef utilizzano questi ingredienti da coltura biologica per creare i loro deliziosi piatti “dalla Terra al piatto”.

Frutteti e noci

Dalla primizie di inizio stagione (che qui si chiama “primaticcio”) fino alle tardive raccolte autunnali, i nostri frutteti ci regalano un fragrante bottino di mele, pere, pesche, ciliegie, susine e mele cotogne per tutto l’anno. Là nel campo coltiviamo filari di alberi di noci, insieme ad una grande varietà di erbe, che usiamo per la nostra linea originale di prodotti per la cura della pelle.

Mostra tutto

Gli ospiti che passeggiano nei dintorni potrebbero imbattersi in alberi enormi ed antichi che hanno portato frutti per generazioni, come il Maggiolino: un pero selvaggio vecchio più di cento anni, che si inarca sopra i pollai ed è l’ultimo rimasto della sua specie nella zona di Chiusdino. Sebbene il Maggiolino sia stato chiamato così perché fiorisce in maggio, sembra che l’enorme susino che adombra il cortile della scuola di cucina del Borgo sia stato chiamato “il susino di San Pietro” per puro caso.

  • Pears
  • Apples
book
email
call